Pubblicato da: abcbologna | febbraio 18, 2015

Acqua: Ripartono le privatizzazioni – Presidio davanti a Palazzo D’Accursio contro la vendita di HERA e contro la privatizzazione dei servizi pubblici

Comunicato stampa
Acqua: Ripartono le privatizzazioni – Presidio davanti a Palazzo D’Accursio contro la vendita di HERA e contro la privatizzazione dei servizi pubblici
Sabato 21 febbraio ore 15.30

Il sindaco Merola e  di altri sindaci dell’Emilia Romagna hanno intenzione di   scendere nella proprietà di HERA sotto il 51%.

Trainati da Renzi e dalla legge di stabilità che prevede vantaggi per le amministrazioni pubbliche che vendono le azioni delle aziende di gestione dell’acqua, e dei servizi pubblici diversi  Sindaci del territorio Emiliano Romagnolo, intendono realizzare quello che non riuscì a Berlusconi col decreto Ronchi, abrogato col referendum del 2011.

A nulla vale che nella nostra regione alle ultime elezioni regionali abbia votato poco più della metà di coloro che si sono espressi contro la privatizzazione dell’acqua e della sua mercificazione.
La democrazia è cancellata, ignorata, strappata.

Da tempo denunciamo che la gestione dell’acqua e dei servizi pubblici attraverso aziende quotate in borsa, danneggia i cittadini e gli utenti.
Opacità della gestione, aumenti tariffari insostenibili, negazione del diritto umano all’acqua, peggioramento delle condizioni di lavoro e aumento del lavoro in appalto, scarso controllo delle amministrazioni pubbliche, diminuzione degli investimenti, erogazione dei dividendi agli azionisti tramite l’indebitamento, impoverimento della risorsa idrica e mancato coordinamento della gestione della risorsa.
Questi sono gli effetti del processo strisciante della privatizzazione in atto in questi anni.
Assieme alla gestione dell’acqua si procede a tappe forzate nella cessione o esternalizzazione di diversi servizi dei comuni, a Bologna, le mense comunali con SERIBO, i servizi museali ecc…
Oggi questa accelerazione, si configura come un processo definitivo di espropriazione delle comunità locali.
Invitiamo quindi tutti i soggetti che si sono battuti contro le privatizzazioni a dar luogo ad un ampio schieramento contro queste misure.
Invitiamo i consiglieri comunali ed i Sindaci a pronunciarsi, respingendo questo ricatto: tagli o svendi il patrimonio pubblico.
Invitiamo i cittadini a protestare contro gli aumenti tariffari e l’alienazione del patrimonio pubblico.
L’obiettivo resta quello della ripublicizzazione del servizio idrico, unica alternativa alla consegna ai mercati finanziari di un bene vitale come l’acqua.
Per un ruolo forte delle amministrazioni pubbliche nella gestione di servizi indispensabili alle persone, fuori dalle logiche di mercato.

Bologna, 18 febbraio 2015

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: